Archivi categoria: Ristoranti

Pub/Ristorante/Pizzeria “Crazy Bull” – Siracusa

Nonostante il nome e l’ambiente richiamino gli States, il Crazy Bull è a tutti gli effetti un ristorante italiano, dove tuttavia il menu è talmente vario da spaziare dalla pizza al filetto argentino, passando per i piatti tipici messicani.

Un locale multietnico ma con requisiti di qualità strettamente italiani, cosa che come vedremo si manifesterà nelle pizze, assolutamente paragonabili alla stragrande maggioranza delle pizzerie “medie” presenti nel territorio.

Il Crazy Bull è però il regno delle fritture, eccone dunque di due tipi:

Patatine fritte classiche

Patatine fritte classiche

Anelli di cipolla

Anelli di cipolla

Nulla da eccepire in entrambi i casi: frittura dorata, perfetta. Ottimi in particolare gli anelli di cipolla, serviti con una gustosa salsa all’aglio.

Diciamo subito che la vastità della scelta dei menu, precedentemente accennata, non è certamente possibile da riproporre in poche righe; cercheremo quindi di fare un’analisi generale tra quanto fotografato e quanto assaggiato in altre occasioni senza tuttavia testimonianza fotografica.

Parliamo dunque delle pizze, che per fortuna di americano non hanno nulla:

Con speck, funghi e ricotta

Con speck, funghi e ricotta

Parmigiana senza uovo

Parmigiana senza uovo

La pasta era buona, soffice e saporita anche se non fragrante come in alcune pizzeria “tripla A”, in ogni caso più che accettabile. Altalenante il discorso sui condimenti: buono nel primo caso, anche se non particolarmente abbondante (pregevole lo speck), un po’ scadente nel secondo, a causa di melanzane evidentemente troppo fritte.

Ecco adesso uno dei molteplici secondi disponibili:

Spiedini di carne misti

Spiedini di carne misti

Due abbondanti spiedini ricchi di carne di maiale, salsiccia, wurstel, cotti a puntino e serviti con salsa Barbecue e patatine. Molto graditi dal nostro commensale, rappresentano una scelta valida per gli amanti della carne più tradizionali.

Tra le altre cose che abbiamo assaggiato, possiamo citare i Tacos ripieni, i nachos con 3 tipi di salse, le patate al burro, il Chli con carne (piccante e molto abbondante), come dolci la Cheese Cake e la Brownies (servita con gelato alla vaniglia o panna fresca), tutto dal molto buono all’ottimo.

In sostanza si tratta di un posto “di garanzia”, visto l’elevato numero di coperti, in cui trovare riparo in inverno e frescura in estate (grazie all’aria condizionata), senza tuttavia rinunciare ad una buona cena.

Non c’è una vera e propria eccellenza, ma ogni portata si lascia mangiare con gusto, soprattutto se in buona compagnia.

I prezzi ovviamente variano ma per una cena solitamente si viaggia sulle 15/17 euro a persona, bibita inclusa.

Pro

  • Menu vastissimo
  • Qualità generale buona
  • Ideale per gli amanti della carne

Contro

  • Non esiste nulla di veramente eccellente
  • Prezzi non sempre all’altezza
  • Si paga il coperto (spartano) anche per un piatto di patatine

Voto del Team: 8.0

Ristorante/Pizzeria “Castello Fiorentino” – Siracusa

Dopo la grande abbuffata delle vacanze invernali, torniamo a parlare di buon cibo e lo facciamo dalla nostra amata Siracusa.

Il Castello Fiorentino è un altro di quei locali noto non tanto per il cibo, comunque buono come vedremo, quanto per la particolare atmosfera di amicizia e calore tipica siciliana, un’esperienza unica che almeno una volta deve essere provata se visitate Siracusa.

Una volta accolti cordialmente, verrà proposto di iniziare la serata con alcune delle tipiche fritturine servite come antipasto nel locale, noi abbiamo scelto delle semplici patatine:

Patatine fritte classiche

Patatine fritte classiche

Dorate e salate alla perfezione, sebbene surgelate si sono dimostrate di ottima qualità.

Tocca adesso alle pizze, ecco le nostre scelte:

La Braccio di Ferro con panna e spinaci

La Braccio di Ferro con panna e spinaci

Vesuvio con speck, ricotta, porcini e salsiccia

Vesuvio con speck, ricotta, porcini e salsiccia

Margherita

Margherita

Margherita con funghi freschi

Margherita con funghi freschi

La pasta era davvero buona, soffice e cotta alla perfezione; buona anche la qualità degli ingredienti, soprattutto considerato il rapporto qualità prezzo; la quantità di condimento non è eccessivo, ma il risultato finale è molto più che positivo.

Come sempre, a fine pasto è stato offerto il sorbetto al limone e il limoncello:

Sorbetto al limone

Sorbetto al limone

Limoncello

Limoncello

Un gesto simpatico, molto gradito e apprezzato, da sempre uno dei simboli del locale.

In definitiva, una cena onesta e rassicurante, un posto in cui mangiare senza badare troppo al portafoglio (anche per il ristorante i prezzi sono molto convenienti), senza magari trovare la raffinatezza gastronomica riscontrabile altrove, ma potendo contare su una solida qualità inossidabile nel tempo.

Il costo, bevande analcoliche incluse, è stato di 9 euro a persona.

 

Pro

  • Pizze di buona qualità
  • Prezzi molto popolari
  • Sorbetto o limoncello sempre offerti

Contro

  • La qualità generale è buona ma non eccelsa
  • Alcune pizze escono poco condite
  • Tempi di attesa senza prenotazione piuttosto alti

 

Voto del Team: 8.0

Ristorante/pizzeria “La Trota” – Palazzolo Acreide (SR)

Torniamo a parlare di pizze (ne siamo davvero ghiotti!) e lo facciamo da una cornice particolare, quella del Ristorante Pizzerie La Trota di Palazzolo.

Il posto è famoso per essere sede di un laghetto artificiale molto caratteristico, nel quale viene allevato l’omonimo pesce d’acqua dolce.

Oltre a servire il pesce d’acqua dolce, il ristorante propone menu di pesce di mare e di carne, proveniente dal vicino paese di Palazzolo, famoso nel siracusano per la qualità della salsiccia di suino.

In occasione della nostra visita, abbiamo cominciato ordinando una porzione di croccanti patatine fritte:

Patatine fritte

Le patate, seppur surgelate, erano di ottima qualità, cotte e salate perfettamente.

Ecco invece il valzer delle pizze:

“Rustica” con salsiccia di Palazzolo, olive, carciofini e porcini

Con Bresaola, ciliegino, rucola e scaglie

Con Speck e porcini

Improbabile pizza con crudo, scaglie, tre tipi di funghi e panna!

Si nota già al taglio una consistenza dell’impasto leggermente croccante, ma piacevole soprattutto se amate la cottura a legna.

Il sapore della pasta è ricco, ma sono gli ingredienti ad essere di alta qualità. Abbiamo trovato tuttavia una differenza sostanziale nelle quantità di condimenti inseriti nelle pizze, alcune davvero abbondanti, altre ridotte al minimo, forse dovuta alla frettolosità dei pizzaioli (era sabato e c’era la sala quasi piena).

Il vero tasto dolente è stata la dimensione delle pizze che, come potete notare dalle foto, era a volte molto inferiore rispetto al piatto. Quasi una “mini” per intenderci, pagata però come normale.

Il prezzo pagato a persona, incluse una birra grande, una lattina di coca e due bottiglie di acqua, è stato di 14 euro.

 

Pro

  • Qualità degli ingredienti
  • Cottura a legna
  • Patatine ottime

Contro

  • Condimenti frettolosi
  • Locale bello ma un po’ fuori mano
  • Pizze quasi “mini” pagate per intero

 

Voto del Team: 7,5

Ristorante/Pizzeria “Cantina Mexicana” – Siracusa

La particolare e gustosa cucina messicana è la protagonista di questo nuovo locale da poco aperto a Siracusa, con i suoi piatti colorati, sostanziosi ma soprattutto piccanti.

La carne è ovviamente la regina indiscussa della tavola, cucinata in tutte le forme tipiche dell’allegro popolo sudamericano, ma non mancano anche sfiziosi snack e contorni.

Cominciamo con i tipici nachos:

Nachos con salsa piccante

I famosi triangolini di mais, ideali da inzuppare nelle varie salse, sono ormai uno dei simboli di questa cucina; in questo caso abbiamo optato per la salsa piccante ai peperoni.

E’ infine arrivato il momento dei piatti unici a base di carne:

Fajitas con Tortillas e salse varie

Costine in salsa

Filetto alla griglia

Tutte le tipologie di carne portate erano gustosissime, in particolare ovviamente le fajita ma anche le costine e il filetto. Ogni piatto è accompagnato da molti contorni di vario tipo (patate fritte o al forno, mais, piselli, riso, fagioli) e da altrettante salse, tra cui quella famosa Guacamole, per un risultato finale completo e molto, ma molto saporito.

D’altronde chi sceglie questo tipo di cucina sa sin dall’inizio che tipo di gusti si troverà davanti e ognuno di questi piatti ne rappresenta in parte l’essenza.

Abbiamo anche provato un po’ di sangria, giusto per dare ancora più colore alla serata:

Sangria

Forse un po’ leggera ma comunque accettabile.

Il grosso problema relativo a tutte o quasi le portate è stata la temperatura: in pratica tutto era freddo e, per chi conosce la cucina messicana, ciò significa in parte uno stravolgimento del gusto.

Il locale soffre ancora, ma forse è inevitabile, di alcuni problemi legati all’organizzazione e alla gestione; in particolare quella sera si era arrivati ad una sorte di “overbooking” di prenotazioni e, per non scontentare nessuno, era stato stipato un numero di gente decisamente superiore ai coperti massimi previsti. Il risultato è stato un clima quasi claustrofobico, con l’impossibilità di muoversi comodamente e soprattutto un obbligo di restare ai propri posti quasi immobili per non infastidire il vicino di tavolo.

Per il resto invece si segnala una più che soddisfacente qualità media ed un’ampia scelta di piatti tipici messicani, rovinati come già detto solo dalla bassa temperatura a cui erano serviti.

Il totale pagato è stato di € 16 a persona.

Pro

  • Ampia scelta di piatti tipici messicani
  • Buona qualità e quantità
  • Prezzi nella norma

Contro

  • Portate servite troppo fredde
  • Cattiva gestione dei tavoli
  • Servizio un po’ lento


Voto del Team: 6,5

Ristorante “Zio Agatino” – Siracusa

Restiamo a Siracusa con la nostra Silvia, che ha visitato uno dei più famosi locali di pesce della tradizione aretusea

Il Ristorante Zio Agatino, meta storica dei siracusani da almeno 3 generazioni, può vantare una veranda all’aperto dentro una delle più famose rivendite all’ingrosso di mitili, con un panorama fantastico e vista diretta sull’isolotto di Ortigia. Ma soprattutto è un ristorante dove sicuramente il pesce non sarà mai “del giorno prima”.

Il vantaggio principale che ci ha spinti a provare questo posto è la possibilità di prenotare anche il sabato sera: prenotazione necessaria e non solo consigliata perché, spiega il titolare, “Non si chiede mai ad un commensale di cenare in fretta in quanto altri attendono”.
La spiegazione effettiva l’abbiamo provata sulla nostra pelle sabato scorso: vera la possibilità di prenotare il tavolo, altrettanto vero però che se si prenota per le ore 21 si rischia di cenare anche alle 23. Il personale è limitato a 2 soli camerieri e un “direttore di sala”, addetto solo alle ordinazioni.

Posate e bicchieri “rustici” ma funzionali

Il menù è molto vario, tanti gli antipasti tra cui scegliere- anche una fantastica bruschetta con i ricci che non si trova in nessun’altro ristorante del siracusano – ma anche i primi e i secondi.
Ovviamente il re del locale è il pesce, ma sono possibili anche alcuni primi e alcuni secondi carne. Ampia anche la scelta dei dessert.
La comanda è stata presa subito. Il vino e le bibite sono arrivate immediatamente. Peccato che a non arrivare sono state le pietanze ordinate.

Antipasto all’italiana

Patatine fritte

 

Eravamo in cinque e l’ordine consisteva in: una porzione di patatine fritte, un antipasto all’italiana, tre primi di pesce – nel dettaglio “Spaghetti dello Zio Agatino” con cozze, vongole e seppioline, “Spaghetti misti” con cozze e vongole, Penne al Pesce Spada – un arrosto misto di pesce, una zuppa di cozze e due pizze.

Le uniche portate giunte al tavolo contemporaneamente sono state la porzione di patatine, l’antipasto misto di qualità pessima in quanto i salumi non erano freschi e le olivette amare, gli Spaghetti Dello Zio Agatino e quelli misti.
Il pesce era sicuramente fresco ma tutti e tre i primi avevano un solo sapore: quello del peperoncino piccante usato in maniera eccessiva.

Spaghetti “Zio Agatino”

Dopo quasi 45 minuti di attesa e varie lamentele, è stato finalmente servito il piatto di Penne al Pesce Spada. Ma ancora nulla per tutto il resto. Anche in questo caso il pesce era di qualità sicuramente ottima ma non si riusciva a sentirne il sapore per l’eccessiva quantità di capperi e di peperoncino con cui la pasta era condita.

Spaghetti alle Vongole Veraci

Purtroppo non abbiamo potuto gustare la zuppa di cozze e gli altri secondi in quanto l’attesa infinita aveva sfiancato tutti quanti e due dei commensali sono anche dovuti andare via.
E’ stato così annullato l’ordine della zuppa di cozze, dell’arrosto misto e delle due pizze. Solo in quel momento si è scoperto che la comanda delle  pizze era stata persa e mai consegnata al pizzaiolo. Precisiamo che la cena era organizzata per festeggiare un compleanno il quale ovviamente non è risultato dei migliori dati i problemi logistici.

Ovviamente nella lunga attesa, il vino bianco – servito senza ghiaccio – era diventato imbevibile e caldo ma a nulla sono servite le lamentele e non solo del nostro tavolo.
In quella serata altri 6 tavoli hanno annullato ordini e sono andati via senza cenare stanchi dell’attesa.

Il prezzo medio a persona è di 20 euro, qualcosa di più per un pasto completo.

PRO:

  • Pesce fresco di ottima qualità
  • Possibilità di prenotare anche il sabato
  • Ampia scelta di portate

CONTRO:

  • Organizzazione di sala pessima
  • Lentezza del servizio ai tavoli
  • Eccessivo uso di peperoncino
  • Prezzi un po’ esagerati visto il servizio offerto

VOTO DEL TEAM: 6.0 (di stima!)

Steak House “Il Quarto” – Siracusa

La parola, ancora una volta, alla nostra fidata Silvia che ci porta in un locale speciale, dedicato agli amanti della carne.

Il Quarto – Steak House rappresenta uno dei pochissimi locali siracusani a tema, ispirato alle tipice e sempre verdi “trattorie” americane del 19° secolo in cui si mangiano solo bistecche di carne.

Ma, per adattarsi ai nostri palati, permette di scegliere anche altri tipi di pietanze meno tipiche e settoriali: qualche pizza tradizionale, delle insalatone e degli antipasti non necessariamente a base di carne.

La scelta teorica delle carni è ottima ma, nel nostro caso, abbiamo avuto difficoltà ad ordinare per mancanza di alcuni dei piatti indicati in menu.

Purtroppo, infatti, quella sera mancavano gli “arrosticini” di pecora che avremmo provato ben volentieri, gli spiedini di pollo e le patatine messicane.

Alette di pollo fritte

Alla fine la nostra scelta è quindi ricaduta su delle alette di pollo molto speziate ma non particolarmente abbonanti nella quantità. Sicuramente una porzione di alette di pollo va ordinata per singola persona soprattutto se si è di buon appetito (come nel nostro caso).

Precisiamo che in questo locale non vengono serviti primi piatti ma la scelta dei secondi è abbastanza ampia. Tranne delle polpettine di carne di cavallo e degli spiedini di pollo, la base di quasi tutte le portate è il filetto argentino condito in diversi modi (ad esempio con porcini o con gorgonzola) o semplicemente alla griglia.

In quest’ultimo caso il filetto viene servito con patate al forno o fritte (la scelta spetta al cliente) e riso basmati.

Filetto di manzo alla griglia con patate fritte e riso basmati

Stesso Filetto, ma con diverso grado di cottura e patate al forno

Quest’ultima versione è stata quella da noi scelta per la cena ed è risultata una accoppiata vincente. La porzione di filetto è decisamente abbondante, siamo all’incirca sui 500 gr a persona, e ottima è la cottura della carne, al sangue per uno dei 3 commensali e ben cotta per gli altri due.

Finalmente un posto dove la cottura richiesta è rispettata! Dobbiamo comunque riconoscere che il filetto ci ha ampiamente ripagati della delusione provata con gli antipasti.

Le salse per condire

Buonissime anche le salsine che accompagnavano antipasti e carne, unico neo i recipienti di plastica in cui sono state servite che poco si accostavano al tono del tovagliato usato.

Una bella birra gelata!

Da bere abbiamo optato per la birra che è arrivata ghiacciata al punto giusto ma purtroppo un pò troppo presto rispetto alla carne.

Una pecca la riscontriamo nel servizio non proprio ottimale: il locale ha una sala interna ed una esterna, ma se si è seduti all’esterno si corre il rischio di dover inseguire i camerieri per riuscire ad ordinare. A questo si aggiunge l’illuminazione esterna inesistente, che magari aiuta a creare una certa “atmosfera” ma che potrebbe non piacere a tutti.

Il menu prevedeva anche dei dolci ma per lo più tipicamente nostrani quindi reperibili in qualsiasi pasticceria o altro locale non a tema.

Consigliamo di andare magari in inverno e soprattutto nella sala interna, decisamente carina e con arredamenti tipici delle steak house.

Il prezzo a persona è stato di 20 euro, tutto sommato nella norma trattandosi di carne e vista la qualità ineccepibile della stessa. 

PRO

  • Carne di ottima qualità
  • Notevole precisione nella cottura
  • Ampia scelta di secondi e contorni

CONTRO

  • Servizio non proprio impeccabile
  • Sala esterna ancora poco organizzata
  • Non tutti gli antipasti indicati potevo essere scelti

Voto del Team: 8

Osteria “La Bettolaccia” – Trapani

Oggi ci spostiamo a Trapani grazie al nostro “gustoso” inviato Simone Azzarello che, insieme ai suoi amici, non disdegna affatto provare nuovi locali…da oggi ci renderà partecipe delle sue esperienze!

Il locale di cui vi andremo a parlare oggi segna la nostra prima trasferta in Sicilia occidentale, a Trapani: città, così come un po’ tutta la provincia, famosa per l’ottimo couscous di pesce.

Due dei nostri simpatici inviati!

Alla classica domanda “potreste consigliarci un posto dove poter mangiare un ottimoCousCous?” la risposta è stata praticamente unanime. Ormai non avevamo scelta: dovevamo assolutamente verificare di personai pareri entusiasti dei trapanesi.

Posizionato in uno dei tanti vicoletti che tagliano la via principale della città, la Bettolaccia è un piccolo locale di soli 30 coperti, arredato con stile ed eleganza e diviso in due piccole salette.

Couscous di pesce con frittura di calamari e gamberi

Dopo una breve chiacchierata con Francesco, simpatico gestore e Chef del locale, ci siamo accomodati nella sala più grande. Una volta consultato il ricco menù abbiamo scelto il“couscous di pesce con frittura di calamari e gamberi”, piatto che viene servito insieme a del brodo di pesce caldo e spicchi di limone per esaltarne il sapore.

Il pesce, freschissimo e dalla cottura perfetta, si sposa benissimo con l’ottimo couscous “incocciato” (preparato) a regola d’arte direttamente dallo chef. Una soluzione che testimonia l’ottima cura per le materie prime e la voglia di non affidarsi a prodotti industriali, una scelta che spesso fa la differenza tra un buon piatto e un piatto indimenticabile.

Parfait di mandorle con cioccolato

 

Sorbetto al limone con fragoloni

Dopo aver gustato l’ottimo ed abbonante couscous siamo passati direttamente al dolce: due parfait di mandorle con colata di cioccolata calda e un sorbetto al limone con fragoloni, entrambi promossi a pieni voti.

Acqua, una lattina di aranciata e una di Coca Cola le bibite ordinate.

54 euro il conto, compreso di servizio e coperto, da dividere in 3, per un totale di 18 euro a persona. 

 

Pro

  • Locale accogliente
  • Materie prime di primissima qualità
  • Porzioni generose

Contro

  • Prezzi non certo modici, ma giustificati dalla qualità offerta e dalla posizione centrale.

 

Voto del Team: 9,0