Archivi tag: ortigia

Osteria “Da Mariano” – Siracusa

Ci prendiamo una pausa dalle nostre pizze e parliamo dell’osteria Da Mariano, un localino molto conosciuto a Siracusa in cui è possibile mangiare sia “di terra” sia “di mare”.

Per il nostro assaggio, abbiamo optato per i sapori terrestri, generalmente più consoni al nostro palato. Il nostro pasto è cominciato con un antipasto della casa, così composto:

Ricotta fresca con spolverata di pistacchio

Ricotta fresca con spolverata di pistacchio

Insalata di arance

Insalata di arance

Bruschette

Bruschette

Pecorino, olive e salame piccante

Pecorino, olive e salame piccante

Melanzane e zucchine grigliate, spinaci saltati in padella

Melanzane e zucchine grigliate, spinaci saltati in padella

Rotolino di ricotta, frittata di patate, capuliato

Rotolino di ricotta, frittata di patate, capuliato

Caponatina siciliana

Caponatina siciliana

L’antipasto non era abbondante nelle quantità, ma la varietà andava sicuramente a soddisfare la “prima fame”, quella cieca che prende quando ci si siede in un qualunque locale.

La qualità delle portate presentate è altalenante, in particolare ottima l’insalata di arance della tradizione (ma il periodo era quello giusto), le bruschette, il capuliato (che è semplicemente un trito di pomodoro secco e spezie sott’olio) e la ricotta; così così invece i salumi, la frittata e la caponata, quest’ultima decisamente troppo ricca di pomodoro.

Ecco invece i tre primi che abbiamo scelto:

Farfalle con zafferano, radicchio e salsiccia

Farfalle con zafferano, radicchio e salsiccia

Fusilli con pomodoro e olive

Fusilli con pomodoro e olive

Penne panna, ricotta e mandorle

Penne panna, ricotta e mandorle

I primi sono sicuramente risultati di qualità nettamente superiore. Le farfalle con il radicchio e lo zenzero, servite con del pangrattato, avevano ad un primo approccio un gusto forte, intenso, inusuale. Superato il primo impatto però, sono state promosse a piatto principe della serata!

Onesta e gustosa anche la pasta con le olive, servita con la ricotta salata, semplice ma non per questo meno apprezzata. La pasta bianca invece, essendo a base di panna, non spiccava per un sapore particolare ma è risultata alla luce dei fatti comunque molto gradita. La polvere di mandorle inoltre ci stava molto bene.

Già quasi sazi, abbiamo saltato il secondo per passare al dessert. Accompagnati da un vino Passito, ci è stato offerto un piattino con dello zenzero, tocchetti di “giuggiulena” (una specie di croccante al sesamo) e biscottini all’anice:

Zenzero, giuggiulena e biscottini all'anice

Zenzero, giuggiulena e biscottini all’anice

Infine ecco due cannoli di ricotta divisi in 4, con la ricotta non raffinata (per la quale vado matto) ma che non è apprezzata da tutti:

Cannoli di ricotta

Cannoli di ricotta

In definitiva, una cena da Mariano non è certamente un posto per palati fini o gran gourmet. Si tratta di mangiare prodotti non sempre del territorio (vedi l’eccessivo uso di spezie forti e di panna) ma comunque preparate correttamente. Il tutto è però è giustificato da un costo che, come vedremo, spesso è inferiore a quello di una pizzeria.

Il totale pagato in 4 è stato di 68 euro, incluso acqua e vino della casa, pari a 17 euro a persona.

Pro

  • Costi paragonabili ad una pizzeria (menu di terra)
  • Primi originali e saporiti
  • Posto accogliente e centrale

Contro

  • Antipasto migliorabile
  • Troppa panna e troppe spezie usate
  • Servizio non impeccabile

Voto del Team: 8.5